ft_int_04… Nostra intenzione proporre un pellegrinaggio tra le testimonianze pittoriche senza doversi spostare dal salotto, anche se sarebbe molto bello pensare, immaginare un interesse da pellegrino che riscopre il percorso “nostrano”. E speriamo di poter contribuire, con la nostra raccolta aggiornata dello stato di conservazione delle opere e delle cappelle sindoniche e mappatura di sentieri, a registrare una tradizione orale di tre valli vicine in linea d’aria ma separate da valichi e lunghe giornate di cammino eppure unite da una sola voce e tradizione da oltre 500 anni e da un evento straordinario: il passaggio della Sindone nel XVI secolo nelle Valli di Lanzo (Percorsi Sindonici) e in Savoia (Chemins du Saint Suaire), la trasferta da Torino a Genova nel 1706 e ritorno (il Cammino della Sindone) e la trasferta da Torino a Montevergine dal 1939 al 1945. Tre progetti targati ChaTo 

Turisti e Pellegrini

Chi vuol conoscere le mulattiere, i sentieri ed i percorsi, gli affreschi o i dipinti, le tante testimonianze del passaggio della Sindone nel 1535 e nel 1578 nelle valli di Lanzo e nel Ducato di Savoia; chi è in vacanza, chi studia, chi è curioso o affascinato; chi inizia un cammino e chi vuol viaggiare…. su internet… sulla carta… con la penna in mano o lo zaino sulle spalle… pellegrini di carta o di scarponi… chiunque è il benvenuto!

A painter pilgrimage

Guardando l’olio su tela della Venera, oggi custodito a Viù, per un attimo, è come sentire il fruscio degli abiti che si sfiorano quasi a posizionarsi per una foto ricordo, o il vociferare durante i lunghi tempi di posa per il ritratto.

ft_hp_09